Automatik 970×90
Ultime News
Pisa, nuove scoperte archeologiche alle Terme di Nerone e alla Sapienza

Pisa, nuove scoperte archeologiche alle Terme di Nerone e alla Sapienza

Di UGO CIRILLI

 

Il sottosuolo di Pisa continua a regalare sorprendenti ritrovamenti, testimonianze antichissime della storia di una città che affonda le proprie radici non solo nel Medioevo, ma anche nell’età romana.

Ieri, mercoledì 27 settembre, durante la manifestazione “Bright-Aspettando la notte dei ricercatori”, Palazzo Blu, l’Università, il Comune e la Soprintendenza hanno organizzato un incontro per illustrare i risultati di alcune recenti ricerche archeologiche sul territorio, che hanno avuto luogo in due aree: le Terme di Nerone di Largo del Parlascio e la Sapienza.

Nella prima zona è stata portata alla luce una parte dell’antica strada medievale, utilizzata probabilmente a partire dal XIV secolo fino alla metà del XVI secolo, oltre a mura e suppellettili del periodo romano, che raccontano una storia cittadina iniziata ben prima del Medioevo e delle Repubbliche Marinare. Agli scavi hanno partecipato studenti universitari del corso di Archeologia sotto la supervisione della professoressa Gualandi e del professor Fabiani ed è stato girato un video dei ritrovamenti, che è possibile visualizzare al seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=PCWvi1Wb9cc .

Presso la Sapienza, oggi importante sede universitaria, alcune ricostruzioni in 3D seguite alle ricerche hanno ricreato virtualmente l’aspetto che l’area aveva in epoca medievale, quando era occupata da un quartiere densamente popolato. La stessa zona è stata teatro di altre importanti scoperte in passato, come il ritrovamento di un sarcofago romano e dei resti di Piazza del Grano, della vecchia chiesa di Santa Maria Vergine e di antiche abitazioni. Alla riapertura della Sapienza, i visitatori e gli studenti troveranno un’importante novità: parte dell’atrio di Giurisprudenza diventerà un museo archeologico, dotato di monitor con rendering 3D che ricostruiscono ottocento anni di storia e reperti in esposizione.

Loading Facebook Comments ...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *